Officially CPD certified learning materials

Vai su wellspect.it


Sicurezza a lungo termine del cateterismo intermittente

I cateteri idrofili monouso sono stati sviluppati nei primi anni ottanta per affrontare le complicanze a lungo termine del cateterismo intermittente come si è visto quando si riutilizzano cateteri con lubrificazione aggiuntiva. Come riportato da Wyndaele e Maes1 e Perrouin-Verbe et al.2 la maggior parte delle complicanze legate al cateterismo intermittente si verificano dopo l'uso a lungo termine a causa di danni alla parete uretrale da cateterizzazioni ripetute. Al contrario, l'uso a lungo termine di cateteri idrofili LoFric è segnalato per prevenire traumi e complicanze uretrali.3 4

Documentazione LoFric: Sicurezza a lungo termine

Consumo del servizio sanitario e tassi di complicanze tra gli utilizzatori di cateteri rivestiti idrofili5. Studio osservazionale delle complicanze associate al catetere in 288 utilizzatori LoFric a lungo termine (media di 10 anni). I risultati suggeriscono che l'uso di LoFric riduca il rischio di complicanze associate al cateterismo intermittente e che gli utilizzatori possano beneficiare di un passaggio all'uso di LoFric.

Predittori fisici di infezione in pazienti trattati con cateterismo intermittente pulito: studio di 7 anni3

Studio osservazionale in 155 utilizzatori di LoFric che fornisce prove a lungo termine che il cateterismo intermittente con LoFric riduce il rischio di complicanze uretrali, tra cui le UTI. Ad esempio, il 65% dei pazienti era privo di UTI e il 39% aveva urina sterile dopo 7 anni con LoFric.

Bakke et al. riportano i risultati di uno studio osservazionale su pazienti norvegesi che praticano il cateterismo intermittente con particolare attenzione alle complicanze. E' stato chiesto a un campione iniziale di 302 pazienti che erano stati precedentemente valutati 7 anni prima di partecipare. Sono stati analizzati questionari da 170 pazienti e campioni di urina da 150 pazienti. I pazienti nello studio avevano un background diverso; Il 32% aveva lesioni del midollo spinale alte, il 36% aveva lesioni del midollo spinale basse e il 31% aveva disfunzione della vescica di eziologia sconosciuta. La durata media del cateterismo intermittente è stata di 8 anni e 9 mesi e il 91% ha utilizzato cateteri LoFric. I risultati hanno mostrato che il 65% dei pazienti non aveva segni di UTI clinica, il 35% aveva segni di UTI clinica (6% con sintomi pronunciati e 29% con solo segni minori di UTI). La batteriuria è stata trovata nel 61% dei campioni di urina. Le specie dominanti erano Escherichia coli per le donne e cocchi gram-positivi per gli uomini.

La pubblicazione identifica tre principali fattori predittivi per le infezioni del tratto urinario:

  • Le donne hanno più infezioni
  • Precedente storia di UTI  
  • L'elevato volume del cateterismo aumenta il rischio

La frequenza è risultata anche predittiva per la batteriuria: i pazienti con una bassa frequenza di cateterismi erano meno inclini ad avere urina sterile. Lo studio riporta che l'urina sterile è stata osservata nel 31% dei pazienti che non usavano antibiotici e nel 54% di quelli che lo facevano.


Cifre basate sui risultati riportati da Bakke et al. 199726

Cateterismo intermittente pulito nei pazienti con lesioni del midollo spinale: follow-up a lungo termine di una tecnica idrofila a basso attrito

Analisi retrospettiva che propone che l'uso a lungo termine di cateteri idrofili LoFric riduca le infezioni del tratto urinario e prevenga il trauma uretrale. Ad esempio, nessun nuovo trauma uretrale è stato identificato durante un follow-up di 5-9 anni di 30 pazienti LoFric.

 

Argomenti: