Il contenuto di questa pagina è rivolto esclusivamente ai professionisti sanitari.

Sei un professionista?

No Si

UTI

Lamin and Newman (2016) 
Clean intermittent catheterization revisited 
Revisione sul cateterismo intermittente che riassume importanti caratteristiche relative al successo del cateterismo intermittente. Viene evidenziata l'importanza della prevenzione delle infezioni tra gli utilizzatori di cateteri e vengono identificati i cateteri idrofilici come una soluzione efficace dal punto di vista economico. Si riconosce che i cateteri idrofilici possono variare nella qualità dei rivestimenti e sono descritti LoFric e la Urotonic™ Surface Technology.

Lucas EJ, Baxter C, Singh C, Mohamed AZ, Li B, Zhang J, Jayanthi VR, Koff SA, VanderBrink B, Justice SS. (2016) 
Comparison of the microbiological milieu of patients randomized to either hydrophilic or conventional PVC catheters for clean intermittent catheterization
Studio randomizzato controllato in pazienti con mielomeningocele, confrontando la flora batterica nelle urine tra 25 utilizzatori LoFric e 25 utilizzatori di cateteri di plastica non rivestiti. Al follow-up a un anno, i risultati hanno mostrato una riduzione del 40% del numero medio di batteri potenzialmente patogeni nel gruppo LoFric.

Li L, Ye W, Ruan H, Yang B, Zhang S (2013)
Impact of hydrophilic catheters on urinary tract infections in people with spinal cord injury: systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials 
Meta-analisi su 464 pazienti e cinque studi randomizzati e controllati (RCT) con cateteri idrofili, dei quali tre con LoFric, che mostra evidenza di una riduzione del  rischio di UTI del 64% con l'uso di rivestimento idrofilo rispetto ai cateteri non idrofili.

Cardenas DD, Hoffman JM (2009)
Hydrophilic catheters versus noncoated catheters for reducing the incidence of urinary tract infections: a randomized controlled trial 
Follow-up a 1 anno di 22 utilizzatori di LoFric e 23 utilizzatori di cateteri di plastica non rivestiti, che mostra evidenza di un numero inferiore di UTI trattate con  antibiotici nei pazienti che utilizzano LoFric rispetto ai cateteri non rivestiti.

Vapnek JM, Maynard FM, Kim J (2003)
A prospective randomized trial of the LoFric hydrophilic coated catheter versus conventional plastic catheter for clean intermittent catheterization
Studio a 1 anno su 22 utilizzatori di LoFric e 26 riutilizzatori di cateteri di plastica non rivestiti, che conclude che l'uso di cateteri idrofili è associato a minore ematuria e  diminuzione del tasso di UTI. Lo studio, inoltre, suggerisce che i pazienti con più alto tasso di UTI possono trarre il massimo beneficio dai cateteri idrofili e che il  rischio ridotto di trauma uretrale è alla base del rischio ridotto di infezione.

Bakke A, Digranes A, Hoisaeter PA (1997)
Physical predictors of infection in patients treated with clean intermittent catheterization: 7-year study
Studio osservazionale su 155 utilizzatori di LoFric che mostra basse percentuali di complicanze associate a LoFric rispetto a quanto riportato in letteratura per cateteri  di plastica non rivestiti. Per esempio, il 65% dei pazienti non mostra UTI e il 39% mostra urina sterile dopo 7 anni con LoFric.

Waller L, Jonsson O, Norlen L, Sullivan L (1995)
Clean intermittent catheterization in spinal cord injury patients: long-term followup of a hydrophilic low friction technique
Analisi retrospettiva che indica come l'uso a lungo termine di cateteri idrofili LoFric riduca le UTI e prevenga i traumi uretrali. Per esempio, non è stato riscontrato nessun nuovo trauma uretrale nel follow-up a 5-9 anni su 30 pazienti che utilizzano LoFric.

Bakke A, Vollset SE (1993)
Risk factors for bacteriuria and clinical urinary tract infection in patients treated with clean intermittent catheterization 
Follow-up osservazionale a 13 mesi di 302 utilizzatori di cateterismo intermittente (il 95% ha utilizzato LoFric) che individua nel cateterismo frequente a basso volume  un modo per ridurre il rischio di contrarre UTI.

Bakke A, Vollset SE, Hoisaeter PA, Irgens LM (1993)
Physical complications in patients treated with clean intermittent catheterization
Follow-up osservazionale a 13 mesi di 302 utilizzatori di cateterismo intermittente (il 95% ha utilizzato LoFric) che conclude che si ha un minor numero e una minore  gravità delle infezioni associate all'uso LoFric rispetto ai cateteri di plastica non rivestiti con lubrificante aggiunto. Per esempio, i pazienti che usano cateteri non  rivestiti mostrano un punteggio di infezione più alto del 76%.

Bakke A, Digranes A (1991)
Bacteriuria in patients treated with clean intermittent catheterization
Follow-up osservazionale a 13 mesi di 302 utilizzatori di cateterismo intermittente (il 95% ha utilizzato LoFric) che conclude che si ha una bassa frequenza di UTI con i  cateteri idrofili (LoFric). Per esempio, l'86% dei pazienti non ha mostrato segni clinici di UTI durante il periodo di studio.

Condividi